Uzbekistan, ex prigioniero di coscienza ottiene il permesso di operarsi all’estero - Amnesty International Italia

Uzbekistan, ex prigioniero di coscienza ottiene il permesso di operarsi all’estero

12 ottobre 2017

Tempo di lettura stimato: 1'

Alla fine sabato 7 ottobre Murad Dzhuraev ce l’ha fatta: potrà viaggiare all’estero per sottoporsi a un intervento chirurgico, diventato sempre più urgente, alla spina dorsale.

Dzhuraev, ex parlamentare dell’Uzbekistan in carcere dal 1995 per “reati contro lo stato” e rilasciato due decenni dopo, chiedeva da due anni di potersi recare in Germania per effettuare l’intervento.

La condanna originaria di Dzhuraev, a 12 anni, era stata estesa in quattro successivi processi, uno dei quali per non aver pelato le carote secondo la procedura stabilita dalle norme del carcere.

Le buone notizie di Amnesty International sono anche su pressenza.